This Campaign has ended. No more donations can be made.

RUOTE ARDITE

“Ruote Ardite” è la nuova avventura su due ruote promossa da LOVE insieme a un manipoli di coraggiosi ciclisti… alla partenza mancano:

2021/09/21 08:00:00

OBIETTIVO

Lo scopo della corsa è raccogliere fondi per la palestra “Alice Magnani” della scuola elementare di Kozarska Dubica, recentemente rinnovata dalla nostra associazione con il contributo della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol.

IL PERCORSO

Il percorso totale si sviluppa in 615km e si divide in 5 tappe. Il viaggio sarà anche l’occasione per incontrare le comunità di italiani che vivono in quelle aree, visitare monumenti e rendere omaggio ad alcuni luoghi.

LO SPORT COME METAFORA SOLIDALE

Seicentoquindici chilometri di solidarietà e sudore. Poche parole per esemplificare “Ruote Ardite”: manifestazione di solidarietà che s’impasta fin dai primi metri con la fatica di quegli arditi che, inforcando la propria bici, desiderano congiungere il nostro territorio con Kozarska Dubica in Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina.
Saranno i primi giorni d’autunno e una 13 coraggiosi volontari, accumunati dalla passione per la bici e per la solidarietà, percorreranno gli oltre 500 chilometri che uniscono Ronchi dei Legionari e Kozarska Dubica, testimoniando amicizia e aiutando, tramite le proprie fatiche, chi in quei territori giorno dopo giorno supporta le giovani generazioni in un percorso di crescita che sia il migliore possibile nonostante le ancor oggi presenti mancanze materiali … e ci immaginiamo dunque i nostri volontari, tra le strade di Italia, Slovenia, Croazia e Bosnia ed Erzegovina a domandarsi, madidi di sudore, sul finire delle singole tappe: “chi me l’ha fatto fare?” di sottrarre tempo e risorse a lavoro e famiglia … ma altrettanto vediamo i loro volti rispondere che ne è valsa la pena, illuminandosi alla vista di quei bimbi e di quei ragazzi felici del loro arrivo per un’amicizia che si rinnova e per un aiuto che permetterà di disegnare un domani migliore nel proprio orizzonte.

Шест стотина и петнаест километара солидарности и зноја. Неколико ријечи да се опише хуманитарна акција „Одважни точкови“: манифестација солидарности која се од првих метара стапа са умором оних, који пењући се на властита бицикла, желе да повежу нашу земљу са Козарском Дубицом у Републици Српској, Босни и Херцеговини. Првих дана јесени, 13 храбрих волонтера, уједињени страшћу за бициклизмом и солидарношћу, прећи ће преко 500 километара који уједињују Ронки деи Леђионари и Козарску Дубицу, свједочећи пријатељству и помажући властитим трудом онима који на тим територијама дан за даном подржавају, најбоље што могу, младе генерације на њиховом путу раста и развоја, упркос још увијек присутним материјалним недостацима … и зато замишљамо наше волонтере, међу улицама Италије, Словеније, Хрватске и Босне и Херцеговине како се, обливени знојем, на крају појединачних фаза питају: “Шта ми је ово требало?” да краду вријеме од посла и вријеме проведено са породицом … али исто тако видимо и њихова лица која одговарају да је вриједило, видимо лица која су озарена при самом погледу на децу и младе људе срећне због њиховог доласка, за пријатељство које се обнавља и за помоћ која ће омогућити да се ослика боље сутра на дјечјем хоризонту.

LA PALESTRA “ALICE MAGNANI”

Alice Magnani è una giovane sportiva trentina scomparsa troppo presto dall’affetto dei suoi cari per un terribile incidente d’auto.
Campionessa di tamburello rappresentava per la propria squadra e la propria comunità un simbolo positivo di sacrificio e forza d’animo.
La scuola di Kozarska Dubica ha vissuto nel tempo molte cose belle ma purtroppo subito anche molte disavventure. I suoi insegnanti si sono però sempre dedicati anima e corpo per riuscire a fornire ai propri piccoli studenti la migliore delle educazioni nel migliore degli ambienti possibili.
Questo loro impegno, dedizione e amore verso l’insegnamento ci ha di fatto convinto a operare con la scuola cercando di dare una mano per quanto nelle nostre possibilità. Abbiamo quindi realizzato alcune iniziative solidali di raccolta e fornitura di materiale educativo e successivamente contribuito a rinnovare la biblioteca intitolandola al genio serbo Nikola Tesla e rendendola un accogliente spazio di aggregazione.
Con l’aiuto della Regione Autonoma Trentino- Alto Adige/Südtirol ci siamo infine impegnati nella ristrutturazione completa della palestra, degli spogliatoi e degli spazi relativi. La scuola infatti è nota in tutta la regione per i propri successi sportivi e lo sport, si sa, quanto può essere un mezzo di crescita personale, amicizia e miglioramento … e allora chi meglio di Alice per rappresentare tutto questo e stendere un immaginario filo d’amicizia tra tutti i popoli ed enti coinvolti in questo meraviglioso progetto?

Алиће Мањани је млада спортисткиња из Трентина која је прерано напустила своје ближње због страшне саобраћајне несреће.
Шампионка у тамбурелу представљала је за свој тим и заједницу позитиван симбол жртве и надљудске снаге.
Школа у Козарској Дубици је током времена доживјела много лијепих ствари, али је, нажалост, претрпјела и многе несреће. Међутим, њени учитељи су се увијек били посвећени и душом и тијелом како би својим ученицима омогућили најбоље образовање у најбољем могућем окружењу.
Њихова опредјељенест, посвећеност и љубав према подучавању нас је заправо убиједила да сарађујемо са школом покушавајући да им пружимо руке колико год смо у могућности. Стога смо спровели поједине иницијативе за прикупљање и набавку образовног материјала, а затим смо допринијели обнови библиотеке, назвавши је по српском генију Николи Тесли и учинили је угодним мјестом за боравак.
Уз помоћ аутономне области Трентино Алто Адиђе/ Јужни Тирол, ми смо се обавезали на потпуно реновирање школске дворане, свлачионица и других пратећих просторија. Школа је у својој регији веома позната по спортским успјесима и спорту, а зна се, колико то може бити средство за лични раст, пријатељство и усавршавање … Према томе, ко би био бољи од Алиће да представља све ово и шири невидљиву нит пријатељства између свих народа и ентитета укључених у овај диван пројекат?

IL PROGRAMMA

lunedì 20 settembre
Incontro dei partecipanti a Ronchi dei Legionari e visita del sacrario militare di Redipuglia Benedizione degli atleti e delle bici presso il Tempio di San Spiridione a Trieste

martedì 21 settembre
Partenza Stage #01
Incontro in Piazza Unità d’Italia a Trieste con il Presidente dell’Unione degli Istriani Arrivo a Fiume e incontro con la delegazione della Comunità degli Italiani di Fiume

mercoledì 22 settembre
Partenza Stage #02
Arrivo a Otocac e visita della sorgente del fiume Gacka e del villaggio di Majerovo Vrilo

giovedì 23 settembre
Partenza Stage #03 e arrivo a Glina

venerdì 24 settembre
Partenza Stage #04
Visita della città di Petrinja sconvolta dal terremoto di dicembre 2020
Incontro a Kostajnica con la locale scuola superiore e avvio ufficiale del progetto solidale “Operazione Giga” per la realizzazione di un nuovo laboratorio informatico nella scuola danneggiata dal terremoto. Arrivo a Kozarska Dubica

sabato 25 settembre
Partenza Stage #05
Inaugurazione della palestra “Alice Magnani” presso la scuola elementare “Vuk S. Karadžić” Visita e omaggio alle vittime del campo di concentramento di Jasenovac
Incontro con la Comunità degli Italiani di Kutina
Arrivo a Zagabria

Понедјељак, 20. септембар
Окупљање учесника у Ронки деи Леђионари и посјета војном спомен-обиљежју Редипуља Благослов у Храму Светог Спиридона у Трсту

Уторак, 21. септембар
Етапа # 01
Састанак на Тргу уједињене Италије у Трсту с предсједником Уније Истријана Долазак у Ријеку и састанак са делегацијом Заједнице Италијана Ријека

Сриједа, 22. септембар
Етапа # 02, Долазак у Оточац и посјета извору ријеке Гацке и селу Мајерово врело

Четвртак, 23. септембар
Етапа # 03, Долазак у Глину

Петак, 24. септембар
Етапа # 04
Посјета граду Петрињи разореном земљотресом у децембру 2020.године
Састанак у Костајници са представницима локалне средње школе и званични почетак пројекта солидарности “Акција Гига” за изградњу нове рачунарске лабораторије у школи оштећеној у земљотресу. Долазак у Козарску Дубицу

Субота, 25. септембар
Етапа # 05
Свечано отварање школске дворане “Алиће Мањани” у ЈУ ОШ “Вук С. Караџић” Посјета и одавање почасти жртвама концентрационог логора Јасеновац
Састанак са Заједницом Италијана Кутина

Долазак у Загреб

PARTECIPA ANCHE TU A QUESTA FANTASTICA AVVENTURA

Ruote Ardite si pone come obiettivo la raccolta dei fondi necessari all’acquisto del materiale tecnico/ sportivo per la palestra “Alice Magnani”.
I locali sono infatti stati completamente rinnovati … ma ora bisogna riempirli di palloni, reti, racchette e tutto quanto possa essere utile nei locali di una palestra di una scuola elementare.
Sono 615 i kilometri che i nostri arditi atleti percorreranno in totale e puoi sostenere la loro impresa, e soprattutto i bambini di Dubica, acquistando parte del percorso.
Ogni kilometro ardito costa 5€ e puoi acquistarli cosi:

  • tramite bonifico, all’iban IT88W0311112000000000000397 intestato a “LOVE onlus” con la causale “donazione X km Ruote Ardite” (il bonifico è deducibile dal reddito)
  • tramite paypal e carte di credito cliccando sul link : http://paypal.me/
    LOVEonlus
  • in contanti a: Verona, Treviso, Trento, Busto Arsizio,
    Torino, Lodi … contattaci!

Al donatore più generoso MCR – Manifattura Camicerie Riunite una fantastica camicia sartoriale su misura e tra tutti gli altri verranno estratte alcune iconiche t-shirt di Ruote Ardite.

CON IL PATROCINIO DI

E IL SOSTEGNO DI

DIARIO DI BORDO

Appuntamento giovedì 16 settembre a Busto Arsizio per la presentazione ufficiale dell’impresa 😉

LA PREPARAZIONE
Nei giorni precedenti la partenza è stato un moltiplicarsi di incontri, allenamenti e dettagli logistici.

20.09.2021 – STAGE 00
(arrivo a Ronchi d/L)

L’avvicinamento a Ronchi dei Legionari si rivela un po’ più complicato del previsto quando uno dei due combi deve essere sostituito a causa di un rifornimento d’acqua dalla cisterna del distributore danneggiata!
… per fortuna troviamo una soluzione alternativa e lungo la strada incontriamo anche i freschissimi campioni d’Europa di volley. Non può che essere un segno ben augurante della nostra avventura.
La sera, al tempio di San Spiridione a Trieste, padre Rasko ci benedisce e insieme leggiamo la preghiera del viaggiatore.
Pranzo di pesce con una straordinaria cameriera iraniana che parla triestino e siamo pronti a partire!

21.09.2021 – STAGE 01
(Ronchi dei Legionari – Fiume)

La mattina presto ci incontriamo davanti al municipio di Ronchi con il sindaco di Livio Vecchiet per inaugurare ufficialmente la partenza e poi via verso la Slovenia, su cui transitiamo per pochi chilometri, fino al confine con la Croazia.
Arrivati a Fiume un pieno di maltodestrine per recuperare le forze e poi l’incontro con gli italiani di Fiume per approfondire le vicissitudini e la storia di questa comunità.

22.09.2021 – STAGE 02
(Fiume – Otocac)

135 chilometri, nella Croazia più autentica, al di fuori dalle strade trafficate dai tanti turisti che ancora si godono l’ultimo scampolo di estate.
135km, una distanza apparentemente modesta, ma resi pesanti dai 2600 metri di dislivello totale, sommati alla lunga tappa di ieri.
Si pedala nel silenzio dell’entroterra, su strade arrampicate tra le rocce, per poi ridiscendere a picco sull’Adriatico e salutarlo nuovamente, imboccando la lunga salita che ci porta da Sveti Juraj verso Otočac.
Un silenzio scalfito solo dai suoni delle forature (tre), della carovana di furgoni che ci supera per attenderci alla tappa intermedia, e dal vociare molesto tipico di noi italiani; d’altra parte, siamo noi stessi, in questo viaggio tra terre affascinanti, ricche di storia, suggestioni, anziani che ci salutano lungo la strada.
Ma non siamo mai soli: la partenza la facciamo da Rijeka assieme ai ragazzi del “Biciklistički Klub Rijeka”, categorie giovanissimi ed allievi, che ci raccontano le difficoltà di questo sport in Croazia dopo due anni di pandemia; come tanti altri, anche il loro club si ritrova grandi spese da affrontare e può contare solo sull’aiuto e la passione dei volontari, ma molti ragazzi hanno abbandonato, senza gare, senza motivazioni.
Non i sei giovani che partono con noi, fresche gambe ad aprirci la strada verso Šmrika.
Prima sosta Buccari; ma la beffa di Buccari la tiriamo noi al nostro entourage in furgone, tirando dritti sulla strada sbagliata senza nemmeno avvisarli. Pausa ristoro a Segna, con una splendida vista sull’Atlantico ed arrivo a Otočac a metà pomeriggio.
Dopo 270km siamo un gruppo compatto che si conosce, sa i propri limiti e prosegue unito in questa avventura, motivato dall’entusiasmo e dalle tante donazioni che arrivano da casa.
Qualche ora di riposo ed una sostanziosa cena rigorosamente di specialità culinarie locali e piatti a noi sconosciuti, e siamo pronti per la prossima tappa, da Otočac a Topusko: 130km.
Kozarska Dubica arriviamo!

23.09.2021 – STAGE 03
(Otocac – Topusko)

Ci addentriamo nell’entroterra croato più selvaggio e rurale.
Anche oggi il dislivello non dà tregua, attraversando colline in un continuo saliscendi che si farà sentire sulle gambe.
I centri abitati sono pochi, ma i segni delle ferite del terremoto, e ancor prima della guerra, si vedono tutti.
Inseguiti da alcuni cani randagi, rallentati dalle ennesime forature, arriviamo a Topusko nel primo pomeriggio; dormiremo in uno dei due hotel della città, nel quale sono ospitati alcuni degli sfollati che hanno perso tutto dopo il terremoto del 2020.
Una visita a Glina, altra città fortemente colpita, e i racconti di padre Goran, ci ricordano come uno schiaffo in volto che non siamo qui in vacanza, ma per dare il nostro contributo ad una popolazione che non ha ancora smesso di soffrire.
Padre Goran, come molti altri, vive oggi in un campo di container alla periferia del centro di Glina e le prospettive per un ritorno alla normalità non sono né rosee né certe … l’unica sicurezza saranno i tempi i lunghi.
All’indomani si riparte, con già 500km nelle gambe, verso Petrinja e poi Kozarska Dubica.
Ci siamo quasi!

24.09.2021 – STAGE 04
(Topusko – Petrinja – Kostajnica – K.Dubica)

Una tappa meno impegnativa, con i suoi 95km complessivi che ci porteranno alla meta principale del viaggio.
L’indomani, infatti, inaugureremo la rinnovata palestra della scuola elementare di Kozarska Dubica, nella Repubblica Srpska di Bosnia-Herzegovina.�Attraversiamo le zone di confine, profondamente segnate dal terremoto di dicembre e pedaliamo lungo la linea di confine tra Croazia e Bosnia; non manca il dislivello, e le strade si fanno più dissestate, ma non cessano di regalare paesaggi unici e chilometri nell’entroterra più rurale e affascinante.
Petrinja ha già cominciato i lavori di messa in sicurezza, e molti degli edifici segnati dal sisma sono stati abbattuti; ma resta un centro città spettrale, in cui tutto pare essersi fermato a quel 29 dicembre, di cui restano gli addobbi natalizi su balconi e finestre.
Si passa il confine all’altezza di Kostajnica, dove facciamo una sosta alla scuola elementare per la quale inizierà presto un nuovo progetto sempre targato LOVE, e si continua in territorio bosniaco fino a Kozarska Dubica, ustionati dal sole cocente che ci accompagnerà per tutta la tappa.
L’arrivo è fissato per il primo pomeriggio, per poi far visita assieme a tutto l’entourage a Jasenovac e rendere omaggio alle vittime del campo di concentramento con la deposizione di una corona di fiori.
Un’esperienza toccante, che toglie il fiato, ma che rende ancora più significativo il viaggio di amicizia, rispetto e aiuto reciproco che abbiamo intrapreso.

25.09.2021 – STAGE 05
(Kozarska Dubica – Kutina)

Ci siamo! Dopo una cena tipica a Kozarska Dubica, nella quale abbiamo anche modo di conoscere e condividere esperienze con alcuni degli italiani che, a seguito della delocalizzazione di aziende italiane si sono trovati a lavorare così lontani da casa, e dopo una notte di riposo ristoratore, siamo pronti per l’inaugurazione della palestra!
La partenza è simbolica: la scuola dista in realtà qualche centinaio di metri; veniamo accolti dai bambini in costume tradizionale, dalle autorità e dal personale della scuola. Taglio del nastro della nuova palestra intitolata ad Alice Magnani, una partita di pallamano delle bambine della scuola e alcuni momenti di musica, poesia e cultura, seguiti dalla consegna di omaggi che ci hanno voluto donare e che porteremo a casa assieme al ricordo indelebile di questi giorni.
La tappa è la consueta passerella che deve avere ogni “Grand Tour” che si rispetti; pedaliamo tutti oggi, anche chi ci ha seguito per questi giorni sui furgoni, garantendo pronta assistenza meccanica, preparando i ristori e assicurando la propria presenza lungo gli oltre 500km di strada. Qualche foto, gli abbracci, i sorrisi di chi ce l’ha fatta e che sentirà però da subito la nostalgia di questo viaggio.
Saremmo dovuti arrivare a Zagreb, con la salita finale di Sljeme, ma la comunità italiana di Kutina alla quale abbiamo promesso visita, ci ha preparato il pranzo e un’accoglienza tale da farci sentire a casa.
La tappa, quindi, si conclude prima del previsto, attorno ad una tavola imbandita in cui non mancano i meritati bicchieri di Rakija, così come i racconti dei tanti espatriati che hanno trovato una casa in questi territori ma che non hanno mai dimenticato la propria cultura.
E finisce così un’avventura unica, sportiva e umana, e di amicizia; un’avventura in cui confidiamo di essere riusciti a portare un messaggio positivo, di speranza, collaborazione, di aiuto reciproco; un lungo viaggio in bici ma dal quale sicuramente abbiamo appreso molto anche noi stessi, e che ci porteremo dentro per tutta la vita. In attesa del prossimo… Živeli!

Enter custom donation amount

Acquisto
SHARING IS CARING

NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle attività di LOVE Onlus